Proprietà e benefici del Mirtillo nero

Posted on

Approfondiamo i valori nutrizionali e le proprietà benefiche del mirtillo rosso americano e quali sono le controindicazioni nell’utilizzo del succo e della bacca.

La differenza con il mirtillo nero non è da attribuire solo al colore e al sapore, ma anche alla consistenza delle foglie, che si presentano coriacee, lucenti e persistenti. Mirtillo nero: problemi di circolazione e di dilatazione dei vasi cutanei, couperose, diarrea, cistite, abbassamento della visione notturna, emorroidi Del mirtillo nero si utilizzano il frutto e le foglie. Una dieta ricca di fibre, una generosa assunzione d’acqua ed il movimento fisico sono i tre fattori principali che contribuiscono alla prevenzione delle emorroidi. Infine, i mirtilli rossi hanno anche la capacità di attenuare i piccoli inestetismi della pelle quale la couperose. Le antocianine del mirtillo hanno anche un effetto antisettico utile nel trattamento della diarrea, delle coliche dolorose addominali e delle cistiti. Ecco un elenco dei migliori alimenti per prevenire emorroidi, dalla papaia e prugne, mirtilli e fichi. I mirtilli sono uno degli alimenti di salute più grandi di tutti i tempi, e sono una manna per chi soffre di emorroidi. Grazie alla loro elevata concentrazione degli antociani, i mirtilli contribuiscono a riparare le proteine danneggiate nelle pareti del vaso sanguigno e promuovere la salute generale del sistema vascolare. In cima a quello, i mirtilli sono una buona fonte di fibra sia solubile che insolubile come la pectina.

Le emorroidi sono piccoli prolassi di mucosa anale che fuoriescono dalla sede naturale e si infiammano. Vediamo quali sono le cure appropriate

  • Frutta a buccia scura, come ribes, more e mirtilli, contenenti antociani e acidi grassi gamma linolenici (GLA) dalle proprietà antinfiammatorie e protettive contro la fragilità capillare.

Inoltre, rispetto ad altri frutti di bosco, mirtilli (soprattutto mirtilli selvatici) sono una buona fonte di vitamina e. I fichi sono un vecchio rimedio standby per la stitichezza.

Infine, i mirtilli rossi hanno anche la capacità di attenuare i piccoli inestetismi della pelle quale la couperose… insomma, una vera e propria miniera d’oro! I mirtilli sono disponibili freschi o congelati e in forme succhi e concentrati, mentre le bacche essiccate sono disponibili anche in forma di compresse o capsule. Oltre alle fibre alimentari, gli alimenti ricchi di zinco, Vitamina C, antociani e flavonoidi, tra cui la quercetina, possono essere utili per la gestione delle emorroidi. I mirtilli sono uno dei cibi più salutari di tutti i tempi, e sono una manna per chi soffre di emorroidi. A causa della loro elevata concentrazione di antocianine, i mirtilli aiutano riparare le proteine danneggiate nelle pareti dei vasi sanguigni e promuovono la salute generale del sistema vascolare. I mirtilli sono una buona fonte di fibre insolubili e solubili come la pectina. Inoltre, rispetto ad altri frutti di bosco, i mirtilli (soprattutto i mirtilli selvatici) sono una buona fonte di vitamina E. Carboidrati complessi Dieta per le emorroidi – alimenti consigliati e da evitare I succhi dei frutti di bosco come mirtilli e more, oltre alle ciliegie sono ottimi per le emorroidi. Le bacche di ribes nero e rosso sono molto utili per le emorroidi anche nel post-operatorio.

Emorroidi cura come curare le emorroidi Mai pi emorroidi

  • di toccare i granuli o i globuli con le dita o di prenderli nel palmo della mano, perché il rimedio omeopatico si trova all’esterno della pallina,

Ci sono infatti alcuni alimenti che possono causare o facilitare la comparsa delle emorroidi, e che pertanto sarà necessario evitare di mangiare.

Succhi di bacche scure come mirtilli e frutti di bosco possono contribuire ad eliminare le emorroidi. TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Il mirtillo nero ha delle proprietà curative, benefiche e nutrizionali da non sottovalutare. In particolare i mirtilli riescono anche ad abbassare i trigliceridi, grazie alla presenza di pterostilbene, un antiossidante. Essendo ricchi di antiossidanti, i mirtilli svolgono un’importante azione di prevenzione nei confronti delle malattie tumorali. I mirtilli possono essere d’aiuto anche per la pelle, perché ne rallentano l’invecchiamento e sono consigliati a chi ha problemi di acne. Parlando delle proprietà nutrizionali dei mirtilli, si deve tenere conto che essi sono caratterizzati da poche calorie, circa 57 Kcal per ogni 100 grammi di prodotto. Sia il mirtillo nero che il mirtillo rosso hanno delle proprietà benefiche molto interessanti e fra tutti i tipi di frutti di bosco sono quelli più ricchi di sostanze antiossidanti. I mirtilli neri contengono tanti minerali come il calcio, il manganese ed il fosforo e sono ricchissimi di vitamina C ed A nonché di carotenoidi. Questi frutti sono ampiamente conosciuti in quanto contengono delle sostanze batteriche naturali, gli antociani che conferiscono ai mirtilli quel particolare colore blu intenso.

Tra i disturbi della gravidanza più fastidiosi ci sono le emorroidi, che molte future mamme si trovano a sperimentare anche dopo il parto. Vediamo quali rimedi farmacologici sono indicati

  • I cereali raffinati, come la pasta ed il pane bianco
  • I prodotti da forno non integrali, come gli snack, le torte e le varie merendine.

Per questa sua particolare funzione, il consumo di mirtilli è consigliato in caso di alterazioni circolatorie come ulcere venose, pesantezza alle gambe, emorroidi, flebiti, varici e couperose.

Data la sua azione battericida, il succo di mirtillo rosso, è consigliato per prevenire le infezioni della vescica e delle vie urinarie o come coadiuvante nel trattamento di queste infiammazioni. Bere regolarmente succo di mirtillo nero aiuta, infatti, a migliorare l’intero funzionamento del sistema venoso e cardiovascolare e combattere i danni provocati dal colesterolo cattivo (LDL). Le varietà commercialmente più interessanti sono il mirtillo nero, il mirtillo rosso ed il mirtillo blu. C’è da sottolineare che i mirtilli sono tra i frutti con la più alta concentrazione di queste sostanze antiossidanti. Anche al mirtillo rosso, così come quello nero, sono attribuite qualità antitumorali grazie al loro notevole contenuto di antiossidanti. Un apporto elevato di fibre nella dieta porta numerosi benefici: riduce la probabilità di soffrire di stitichezza, una delle cause principali della formazione di emorroidi. I mirtilli, in particolare il succo di mirtillo e il succo di bacche scure (come le more) vengono consigliati in caso di emorroidi, anche mescolati a del succo di mela. Oltre ai mirtilli, sono indicate anche more e ciliegie. le più famose a questo scopo sono: la Vite rossa, il Mirtillo nero, La Centella asiatica, il Rusco e l’ Ippocastano.

Proprietà e benefici del Mirtillo nero

In generale non fanno bene a chi soffre del fastidioso disturbo delle emorroidi tutti gli alimenti che hanno proprietà astringenti, come ananas, riso e limone.

Il mirtillo nero contiene anche molto acido folico. I mirtilli neri devono entrare quotidianamente nella vostra dieta se avete problemi alle vene, insufficienza venosa, capillari alle gambe. Poi i mirtilli non hanno controindicazioni, anche è meglio non mangiarne più di 100 grammi al giorno perché potrebbero farvi venire la diarrea se mangiati in grandissime quantità. Anche per eliminare i dolori delle emorroidi, la tisana ai mirtilli si rivela davvero efficace. Studi scientifici hanno dimostrato come il mirtillo nero aiuti a migliorare la memoria e la coordinazione motoria prevenendo malattie come l’alzheimer. La dieta per le emorroidi è finalizzata soprattutto alla prevenzione della stipsi; d’altro canto, in certi casi le emorroidi possono essere provocate anche dalla diarrea persistente. Cibi ricchi in fibre Nelle forme lievi sono utili numerosi rimedi fitoterapici che proprio nella cura delle emorroidi trovano terreno fertile. Qui ci sono alcuni fatti circa i mirtilli di mirto che si possono trovare utili. Questi flavonoidi sono noti per essere l’ingrediente principale della pianta che lo rende efficace in condizioni di trattamento, come emorroidi.

Proprietà benefiche del mirtillo nero

Le emorroidi possono essere classificate in 3 categorie: Le cause che portano alla formazione delle emorroidi sono molteplici.

Ne consegue che il succo di mirtillo rosso (succo di cranberry) sarà più indicato del frutto nero per trattare alcuni disturbi piuttosto che altri, e viceversa. La vitamina C del succo di mirtillo nero rinforza il sistema immunitario e favorisce la produzione delle cellule del sangue. Il succo di mirtillo rosso inoltre presenta una doppia azione: è indicato sia per combattere la stitichezza (grazie alla presenza delle fibre) che la diarrea (grazie alle sue proprietà astringenti). I mirtilli sono un concentrato di virtù e benefici della natura. Il mirtillo nero è quello maggiormente ricco di principi salutari, ma anche quello rosso è ricco di ferro, vitamina C e fibre. Il mirtillo rosso è utile anche per chi soffre di calcoli renali, come coadiuvante in caso di diarrea, stitichezza, colon irritabile ed emorroidi. I mirtilli rossi hanno anche la capacità di attenuare i piccoli inestetismi della pelle come la couperose, avendo proprietà astringenti, toniche e rinfrescanti. In caso di emorroidi, oltre all’intestino occorre riequilibrare sempre anche fegato e milza, due organi che contribuiscono alla salute delle vene e quindi anche dei plessi emorroidari. Anche le alghe sono un ottimo alimento nella cura delle emorroidi.

Proprietà Succo di Mirtillo Nero

Anche i frutti del mirtillo sono sfruttati dalla medicina popolare, dove vengono utilizzati internamente come rimedio per migliorare la vista e per contrastare vomito ed emorroidi.