I principali rimedi per il trattamento e la cura delle emorroidi sono:

Posted on

Il pepe nero è una spezia utile per favorire la digestione e il metabolismo.

Un effetto del pepe nero è anche quello di stimolare la termogenesi, per questo è considerato un ottimo coadiuvante nelle diete dimagranti e per combattere l’obesità. Il pepe nero ha inoltre proprietà antisettiche, espettoranti e rientra perfino tra i cibi afrodisiaci. Il pepe nero è così diffuso che compare anche nelle più famose miscele di spezie come il baharat, la creola e il curry. Nessun’altra spezia, al pari del pepe nero, spinse tanto la ricerca di nuove vie commerciali verso l’Oriente, tanto che per secoli rappresentò una merce di scambio di altissimo valore. Patrizia Maria Gatti Rosa, nero, verde, bianco… il pepe ha colori (e proprietà) che vale la pena conoscere. Ovviamente tutti conosciamo il pepe nero, che è la droga più usata e venduta al mondo. Ma non tutti sappiamo che da una stessa pianta si ottengono quattro diverse gradazioni di colore – nero, bianco, verde e rosso. Ed ecco pronto il pepe nero. È sempre il pepe nero, raccolto prima della maturazione e liberato del rivestimento esterno.

Come la stitichezza è causa delle emorroidi

  • pepe bianco: si tratta del solo seme del frutto del pepe, privato cioè della polpa e fatto essiccare. Conserva le stesse caratteristiche aromatiche e piccanti del pepe nero.

Nel XX secolo, in Madagascar, qualcuno ebbe l’idea di raccogliere i frutti acerbi del pepe nero e di farli seccare o di metterli sottaceto.

I frutti del pepe nero vengono raccolti a maturazione, quindi sottoposti a una veloce essiccazione o conservati. È un po’ a metà strada tra il pepe verde e quello nero. Questo parente del pepe nero è un bastoncino grigiastro con le estremità allungate. È meno piccante del pepe nero, ma molto più aromatico. Insieme a pepe nero e zenzero, entra nella composizione del trikatu, un rimedio ayurvedico contro le infreddature. Si può utilizzare nei piatti orientali o semplicemente al posto del pepe nero. Non ha alcuna parentela con il pepe nero, tanto da essere chiamato anche falso pepe. Le sue capsuline rosa scuro, che racchiudono un granello nero e lucido, regalano ai cibi un gusto fresco e piacevole. Le emorroidi sono infiammazioni delle vene nel settore rettale/anale e possono causare dolori e pruriti molto fastidiosi.

Ecco perché possono venire le emorroidi quando si ha la diarrea

  • un aumento della pressione del retto, con affiancamento della parete venosa;
  • un difficoltoso ritorno del sangue venoso, con un ristagno all’interno di questi pacchettini di nuova formazione.

Mangiare correttamente e bene non serve soltanto a migliorare il nostro stile di vita, ma aiuta anche a prevenire il formarsi delle emorroidi.

I nutrizionisti raccomandano di prevenire le emorroidi mangiando molti cibi ricchi di fibre naturali che accelerano il movimento delle feci attraverso il nostro intestino. In conclusione, alimentazione e cura per le emorroidi sono legati tra di loro in un gioco di squadra che aiuta il nostro corpo a sentirsi meglio e più in forma. Evitando alcuni cibi si dona all’intestino la sua naturale regolarità e ciò che ne consegue sono emorroidi non infiammate e, quindi, meno dolore. Si tratta di piccoli suggerimenti che non sono una cura vera e propria, ma se seguiti con costanza possono portare a un netto miglioramento della condizione dovuta dalle emorroidi. Le emorroidi sono dilatazioni varicose delle vene dell’ano e del retto e possono essere di due tipi, ovvero interne o esterne. In questo articolo andremo a vedere quali sono i cibi più pericolosi quando si soffre di emorroidi e quindi gli alimenti da evitare ed i cibi consigliati. A causa delle emorroidi, infatti, si ha una notevole difficoltà nella defecazione e nella espulsione delle feci, provando il soggetto da esse affetto, un intenso dolore. Bisogna, però, distinguere il caso in cui le emorroidi si siano manifestate a causa di frequenti crisi diarroiche che ne siano state la causa. Senape, rosso (peperoncino), pepe e alcol tutti possono irritare i sintomi delle emorroidi quando i cibi vengono espulsi dal corpo.

La stitichezza è la causa delle emorroidi

  • sviluppata nell’ambito delle marische, le pieghe sottocutanee non dolenti che spesso vengono chiamate impropriamente emorroidi esterne.

Cura delle emorroidi: contrariamente a quanto si crede, il peperoncino aiuta la “gestione”

Per prima cosa una dieta ricca di fibre riduce la probabilità di soffrire di stitichezza che è una delle cause principali della formazione di emorroidi. Le emorroidi sono vene infiammate nel retto che potrebbe strappare a parte a causa di costipazione o diarrea e poi si traduce per sanguinamento rettale. Tuttavia, uno studio americano determina che dadi, alcool, caffè e cibo piccante possono peggiorare la condizione. Così se c’è sangue nel tuo ano dopo aver consumato cibo piccante più spesso o in determinate occasioni, quindi è essenziale vedere un medico per pareri medici. Ridurre il consumo di spezie calde come i peperoni Jalapenos a causa del suo alto livello di capsaicina che porta a gravi complicazioni digestive. Le emorroidi colpiscono comunemente anche le donne incinte nella fase finale della loro gravidanza quando il feto con il suo peso spinge molto sull’addome. Sono sicura che non sapevi quanto il pepe nero fosse miracoloso contro le emorroidi. Quindi, se hai del pepe nero nella dispensa comincia ad usarlo da oggi e vedrai che curare le emorroidi sarà più rapido e facile del previsto! La fibra è particolarmente importante per chi soffre di emorroidi perché la sua scarsa presenza provoca stipsi e diarrea, di conseguenza le emorroidi.

Perché il cibo piccante potrebbe aumentare il rischio di emorroidi

La tossicità epatica è anche un’altra causa delle emorroidi e il pepe di cayenna aiuta a disintossicare il fegato e a farlo funzionare di nuovo correttamente.

Il miele è stato utilizzato fin dai tempi antichi per curare le emorroidi, ma quello di grano saraceno è ancora meglio perché ricco di rutina. I cibi raffinati e trasformati e il cibo spazzatura (merendine, patatine, succhi di frutta con addensanti e altre sostanze, ecc…) deve essere evitato a tutti i costi. Inoltre riuscendo ad andare di corpo risparmierai molte fatiche al bagno, che sembrano irrilevanti ma che possono condizionarti la giornata oltre a farti venire o peggiorare le emorroidi. Ecco il piano olistico PROVATO CLINICAMENTE per curare le emorroidi velocemente e in modo permanente, naturale e sicuro, rinforzando il sistema immunitario e facendoti riprendere il controllo della tua vita! Per la cura delle emorroidi possono essere usati i fiori di Bach, i particolare la versione in crema del Rescue Remedy, massaggiata in uso topico. “Negli individui sani non provoca né la gastrite, né l’ulcera gastrica, né le emorroidi”. I principali sintomi che tradiscono la presenza di emorroidi sono perdite di sangue, prurito e generalmente anche dolore. Alimenti consigliati e da preferire in caso di emorroidi Una dieta ricca di fibre è fondamentale per prevenire ed eliminare la stipsi, essendo una delle cause che favoriscono le emorroidi. L’infiammazione che provoca l’insorgenza delle emorroidi può essere contenuta, per prevenire la crisi che ti costringe a dolori, sanguinamento, bruciori.

I principali rimedi per il trattamento e la cura delle emorroidi sono:

Certamente se lo utilizzi in dosi minime e solo ogni tanto, non provoca irritazioni tali da scatenare la crisi e può diventare anche un valido aiuto.

Il cibo non si spinge verso il basso, ma ristagna, e questo provoca stitichezza con conseguente sforzo nelle evacuazioni. Anche il caffè ha un potere irritante, che in alcuni casi provoca anche diarrea. Anche il cioccolato appartiene alla categoria di alimenti che causano irritazioni e infiammazione, con conseguente insorgenza delle emorroidi. Una componente importante delle emorroidi è la stitichezza, a causa del maggior sforzo richiesto dalla defecazione che aumenta la pressione intraddominale e ostacola il ritorno venoso. In caso di emorroidi, oltre all’intestino occorre riequilibrare sempre anche fegato e milza, due organi che contribuiscono alla salute delle vene e quindi anche dei plessi emorroidari. Alcuni alimenti, proposti dalla macrobiotica, possono svolgere un ruolo molto efficace nella cura e nella prevenzione delle emorroidi. Anche le alghe sono un ottimo alimento nella cura delle emorroidi. Viene definito però anche “strangolamento emorroidario”, a causa dello spasmo intenso dello sfintere interno che “strozza” il plesso emorroidario. In caso di disturbi delle emorroidi, la secrezione è acquosa (cioè più liquida) o mucosa e provoca unicamente una sensazione di umidità al margine anale.

Nei primi giorni il trombo provoca un dolore acuto: si presenta come un cuscinetto bluastro e gonfio all’esterno dell’orifizio anale.

Le regolarità dell’intestino ha una fondamentale importanza: la stitichezza e la diarrea infatti predispongono fortemente alla comparsa delle emorroidi, perché irritano la zona anale e peggiorano la situazione. Ad esempio, la stipsi cronica provoca nel tempo un aumento della tensione dei muscoli addominali e, quindi, anche della pressione interna delle vene dell’intestino retto. La dieta per le emorroidi è finalizzata soprattutto alla prevenzione della stipsi; d’altro canto, in certi casi le emorroidi possono essere provocate anche dalla diarrea persistente. Cibi ricchi in fibre Nelle forme lievi sono utili numerosi rimedi fitoterapici che proprio nella cura delle emorroidi trovano terreno fertile. Particolarmente indicato per le emorroidi, l’amamelide è efficace anche nella riparazione dei tessuti e nella cura delle diarree (tra le cui conseguenze sono presenti anche le emorroidi infiammate). Innanzitutto, se, per esempio, è la stipsi la causa scatenante, è bene consumare gran quantità di cereali e verdure o comunque alimenti ricchi di fibre. Il pepe nero è il più diffuso ma esistono anche altre varietà: bianco, rosa verde. Di colore rosso scuro e contenenti un solo seme al loro interno questi frutti vengono raccolti, sbollentati e poi fatti essiccare producendo i grani di pepe nero. Tra i tipi di pepe nero di alta qualità, si annoverano, invece, le varietà provenienti dal Madagascar, Sri Lanka e Thailandia. Il pepe nero è il più ricco di piperina. Il pepe nero in polvere è quello più utilizzato anche in cosmesi. Emorroidi e Cibo Piccante: che Correlazione c’è? Per questo motivo è consigliato evitare i cibi piccanti, il caffè e l’alcol, tutte cose che possono peggiorare i sintomi delle emorroidi. Le diete ricche di cibi grassi, come salumi e formaggi, sono la causa più comune di stipsi. In questo caso, non è il peperoncino che contribuisce alle complicazioni delle emorroidi, ma i cibi grassi di base.